Covid 19 e gli effetti sui "diritti" LGBT+