Il processo allo schermo: una barriera da oltrepassare?